Inversione degli intervalli musicali

In questa lezione parlerò dell’inversione degli intervalli musicali, e di un semplice trucco per trovare l’intervallo relativo. Se desideri scoprire come si articola l’inversione degli intervalli musicali non ti resta che leggere il contenuto di questa lezione.

Dunque, senza attendere un secondo in più, mettiti bello comodo e leggi con attenzione tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: sono sicuro che, dopo aver messo in pratica tutti i miei consigli, riuscirai a comprendere l’inversione degli intervalli musicali. Detto ciò, non mi resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e buona Musica!

Ti ricordo, inoltre, che sul sito www.chitarra-online.it avrai sempre materiali nuovi in pdf, tutorial per chitarra e video lezioni da poter studiare, oltre che brani da poter suonare. La pubblicità presente serve a mantenere il sito e ti chiedo scusa se a volte è tanta. Ma passiamo ai fatti.

 

 








 

Sei alle prime armi con la chitarra?

Elenco Lezioni di chitarra e teoria musicale utili

Questo breve elenco di lezioni che ti potrebbe tornare utile nel caso tu sia ancora alle prime armi con la chitarra.

 








 

 

Impara tutti gli accordi per chitarra

Visita la pagina di tutti gli accordi per chitarra

 

 








 

Non sai accordare la chitarra?

Vedi come accordare la chitarra

 

 








 

Scopri centinaia di Spartiti per chitarra in pdf

Vai alla pagina degli spartiti per chitarra classica in pdf  troverai tantissimi spartiti  e canzoni semplificati per chitarra e pianoforte in pdf. Scopri centinaia di canzoni facili per chitarra

 

 

 








 

Scopri i pdf gratuiti delle scale per chitarra

Vai alla pagina delle scale per chitarra in pdf e scopri tutte le scale e le posizioni delle scale per chitarra in pdf gratis

Serie How to play chord (Come suonare gli accordi)

 

 








 

 

 

 

La definizione di Intervallo in musica

Un intervallo, in musica, è la distanza tra due suoni prodotti simultaneamente ( intervallo armonico) o uno dopo l’altro (intervallo melodico). La teoria della musica classica riconosce diversi tipi di intervalli tra cui: intervalli consonanti, intervalli diatonici, intervalli cromatici. Nerina Poltronieri insegnante del Conservatorio di Santa Cecilia in Roma nel suo libro di teoria musicale riferisce la seguente definizione molto tecnica: “L’intervallo è il rapporto fra il numero di vibrazioni di due suoni”. La definizione espressa dalla Poltronieri è sicuramente la più giusta a livello tecnico. La distanza fra le note C-D,D-E,F-G,G-A e A-B è uguale e viene chiamata tono. La Distanza,invece fra E-F e B-C è la metà di quella di prima e viene chiamata semitono. Gli intervalli musicali possono essere di 2 (seconda), terza, 4,5,6,7,8 a seconda del numero di note che intercorrono fra i due suoni.

 

Se non conosci bene l’argomento degli intervalli musicali puoi approfondirli in questa mia lezione sugli intervalli musicali

 

 

 








 

Inversione degli intervalli

Gli intervalli sono la distanza tra due note. Le note coinvolte possono apparire e suonare in due modi:

inversione-intervalli -musicali

Spiegazione

C-D (Do – Re) intervallo di seconda

D-C (Re-Do) intervallo di settima minore

In altre parole, qualsiasi intervallo può essere capovolto (invertito)

In sostanza il primo intervallo e l’inversione del secondo e viceversa. Infatti, quando un intervallo viene invertito, i nomi delle note coinvolti sono sempre gli stessi e la relazione intervallare segue uno schema.

Un semplice trucco per trovare l’intervallo dell’inversione è quello di sottrarre il numero 9

Ad esempio se ho D-F che è un intervallo di terza minore (b3) per sapere che intervallo sarà la sua inversione dovrò sottrarre 9 dall’intervallo di b3 con il risultato di 6 quindi sesta maggiore. È bene sapere che se l’intervallo di partenza è minore, la sua inversione sarà maggiore e viceversa in ogni caso. Se sarà aumentato la sua inversione ci darà un altro intervallo diminuito. Un intervallo giusto ci darà una inversione con un intervallo giusto.

Se avremo un intervallo più che aumentato la sua inversione sarà un intervallo più che diminuito e viceversa

 

inversione-intervalli-musicali-esempio
Sottraendo il numero 9 all’intervallo di seconda C-D (2) avremo, nella sua inversione, un intervallo di Settima Minore(b7) D-C

 

Bene! Con questi semplici accorgimenti sarai in grado di trovare le inversioni (rivolti) degli intervalli musicali nel più breve tempo possibile.

 

 















 

 

3 Commenti

  1. Salve e grazie per l’articolo

    Mi domandavo su:
    “…Ad esempio se ho D-F che è un intervallo di settima minore (b7) …”

    Tutto l’esempio si riferisce a C-D e inversione D-C

    Non seguo nell’esempio la nota “F”

    Grazzie mille

    Martin

  2. Salve Martin, grazie per la segnalazione, c’è stato un errore di battitura da parte mia. Ti scrivo la versione corretta:
    «[…]Ad esempio se ho D-F che è un intervallo di terza minore (b3) per sapere che intervallo sarà la sua inversione dovrò sottrarre 9 dall’intervallo di b3 con il risultato di 6 quindi sesta maggiore. È bene sapere che se l’intervallo di partenza è minore, la sua inversione sarà maggiore e viceversa in ogni caso. Se sarà aumentato la sua inversione ci darà un altro intervallo diminuito. Un intervallo giusto ci darà una inversione con un intervallo giusto.[…]». In sostanza dopo aver ottenuto il primo intervallo la sua inversione(rivolto) dovrà dare come somma totale 9. Se ha un intervallo di 4 giusta (C-F), la sua inversione (F-C) sarà un intervallo di 5 (4+5 = 9); Se hai ancora problemi fammi sapere

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*